Crea sito

Dieci percorsi giacobini poco battuti per un Cammino di Santiago diverso

Quasi 40 tracce, per un totale di oltre 10.000 chilometri dalla Spagna e dal Portogallo, portano all’apostolo. Molti sono stati visitati dai pellegrini per secoli. Questo è il lato B del Camino

Il 2021 è l’Anno Santo di Compostela o Anno Giubilare, qualcosa che accade quando il 25 luglio, festa di Santiago Apóstol, cade di domenica. Un evento che non accadeva da 11 anni. A causa delle circostanze eccezionali che circondano questa volta la sua celebrazione e il pellegrinaggio dovuto al covid-19, il 31 dicembre il Vaticano ha decretato l’estensione del Giubileo per tutto l’anno 2022.

Prima dell’impatto della pandemia, gli itinerari giacobini erano pieni di pellegrini, soprattutto sul percorso più classico, il cosiddetto Cammino Francese o del Nord, che dai Pirenei attraversa Pamplona, Logrono, Burgos e León fino a giungere alla Cattedrale di Santiago ( 771 chilometri in 30 tappe). Sebbene tutte le strade per Santiago rimangano aperte, quest’anno sarà opportuno informarsi in anticipo sulle restrizioni che potrebbero interessare i comuni che troveremo nel nostro percorso verso la tomba dell’apostolo.

Ma il Cammino Francese, quello scelto da più della metà dei pellegrini nel 2019, non è l’unico che porta alla piazza dell’Obradoiro: fin dal Medioevo centinaia di migliaia di pellegrini si sono recati nelle terre della Galizia da punti molto diversi di Europa sfruttando le strade ereditate dai romani e altre vie commerciali. E nel corso dei secoli, furono raggiunti dai cristiani del sud, con la riconquista delle terre di quella Spagna musulmana. Così oggi le rotte giacobine per Santiago sono molte e varie. Comodamente segnalate con la conchiglia gialla, sono quasi una quarantina che compongono una rete di oltre 10.000 chilometri che copre praticamente tutta la Spagna e il Portogallo. Queste sono 10 alternative per vivere un Cammino diverso.

Alcuni pannelli di pietra segnano il percorso del Cammino Primitivo, vicino all’Alto de Piedratecha, nelle Asturie. 

1. Cammino primitivo

Il primo di tutti gli itinerari

Il primo sentiero che portava i pellegrini alla tomba dell’apostolo non era quello che oggi è conosciuto come il Cammino Francese, ma un ramo più antico che iniziava a Oviedo, l’ex capitale del Regno delle Asturie, e che raggiungeva Santiago attraversando montagne e foreste attraverso un uno dei percorsi più belli tra tutti quelli che portano alla città di Compostela. Fu Alfonso II il Casto , che regnò nel IX secolo, ad organizzare un viaggio in quel luogo remoto ai confini del mondo conosciuto, probabilmente utilizzando le strade romane, per confermare che i resti ritrovati da un eremita erano quelli del discepolo di Gesù.. Il re fu imitato da molti altri cristiani che fecero di quel percorso un percorso vitale attraverso il quale molti altri pellegrini europei avrebbero raggiunto anche la Finisterrae (la fine del mondo, in latino). Oggi, questa vecchia strada primitiva, completamente recuperata, è diventata una delle alternative più interessanti per arrivare a Santiago. Sono circa 300 i chilometri che si possono fare a tappe in 12 giorni, passando tra luoghi ricchi di tradizione e storia, tra granai e muri in pietra . È un percorso più avventuroso e molto meno affollato del percorso più convenzionale, sebbene sia perfettamente segnalato e ci conduce attraverso località come Grado, Salas, Tineo, Grandas de Salime (nelle Asturie) o A Fonsagrada, Castroverde (a Lugo ) e Melide , Città della Coruña dove si collega con il Cammino Francese.

Il castello di San Esteban de Gormaz, una fortezza moresca vicino a Soria. 

2. La via della lana

Transumanza e pellegrinaggio attraverso la Spagna deserta

Per gli amanti delle strade poco battute, il Camino de la Lana recupera un percorso intimo e solitario che va dai porti della costa valenciana a Burgos , attraversando le regioni meno popolate della Penisola. Il suo grande valore risiede nel patrimonio artistico e popolare che scopre al suo passaggio, attraversando i monti Cuenca e Alcarria su strade sterrate e piste forestali sterrate. Possiamo scegliere di partire da Valencia o Alicante, in due varianti che si uniscono dalla città di Cuenca di Monteagudo de las Salinas , per proseguire attraverso Cuenca , Trillo , Atienza, San Esteban de Gormaz e Santo Domingo de Silos , tutte tappe di storia e arte medievale che sorprendono in quello che oggi è il cuore della “Spagna vuota” o “Lapponia spagnola”, come sono conosciute alcune zone di Soria.

Questo Camino de la Lana, lungo circa 600 chilometri, recupera anche una delle vie commerciali più antiche della Penisola: quella che collegava i centri di produzione della lana di pecora della Mancia con la città di Burgos. Per secoli, pastori , tosatori , allevatori e mercanti (oltre a milioni di pecore) percorsero questa rotta dando origine a una fiorente industria che raggiunse il suo apice nel XVI e XVII secolo. È un percorso che ha perso la ragione d’essere con il declino di questo commercio e si è progressivamente spopolato. La maggior parte del percorso coincide con un altro percorso storico, il Camino del Cid ,che scorre in direzione opposta, verso Valencia, seguendo il tracciato dei luoghi, dei luoghi e dei castelli che compaiono nel Cantar de Mio Cid.

Una donna cammina nell’area naturale di Torcal de Antequera (Málaga).

3. Cammino Mozarabico

A Santiago tra uliveti e pascoli

Mozarabico è il nome dato dagli stessi cristiani ai loro correligionari che vivevano nel territorio sotto il potere musulmano e che, senza convertirsi all’Islam, condividevano usi e costumi degli arabi, lingua compresa. Durante tutto il Medioevo, molti pellegrini cristiani si recarono a Compostela dalle lontane Almería, Málaga o Jaén, con soste obbligatorie nelle città monumentali di Granada o Córdoba. Si tratta di un lungo percorso diagonale noto come Cammino Mozarabico , che ancora oggi rivela ai pellegrini rovine romane, visigote, musulmane e cristiane ., per un lungo viaggio dalle città costiere andaluse a Mérida (circa 650 chilometri) per collegarsi con la Ruta de la Plata a Santiago. Le tappe principali sono Antequera , Guadix, Baena, Hinojosa del Duque o Campanario .

Questa è una proposta originale per fare un pellegrinaggio a tratti o per dedicargli quasi due mesi se decidiamo di completarlo tutto in una volta ea piedi. Un’altra alternativa è farlo in bicicletta, per la quale troveremo buone piste sterrate o asfaltate. La ricompensa è scoprire l’Andalusia in un modo diverso, alternando i lunghi tratti che attraversano uliveti, prati e campi coltivati con zone di montagna come Sierra Nevada , El Torcal de Antequera o Sierra Morena , e con tappe culturali essenziali come l’ Alhambra di Granada o la moschea. di Córdoba . È un percorso eccessivamente caldo in estate, quindi questa stagione dovrebbe essere evitata. Bisogna anche tenere presente che alcuni tratti si fanno in completa solitudine, senza incontrare alcuna popolazione, quindi è consigliabile andare ben attrezzati, con acqua e cibo per fare una sosta.

Vista panoramica di San Andrés de Teixido, dal cimitero della città galiziana.

4. The English Way e Camiño do Mar

Dai porti galiziani a Compostela

Il Cammino Francese ha attraversato i passi di montagna dei Pirenei per seguire il percorso verso Santiago. Ma oltre al francese, c’erano molti altri pellegrini venuti per secoli dalle isole britanniche. Erano inglesi con risorse, che navigavano in mercantili verso le coste galiziane, ma una volta qui fecero un breve pellegrinaggio a piedi, ma altrettanto efficace, fino a raggiungere la città di Compostela.

Questo Cammino Inglese per migliaia di fedeli d’oltremare è partito dall’attuale porto di Ferrol, ne delimitava l’estuario, quello di Arres e quello di Betanzos , oppure partiva dal porto di A Coruña . In Hospital de Bruma, entrambi i rami unite ed i pellegrini continuarono verso Santiago, fermandosi in Sigueiro.

Al giorno d’oggi è un’alternativa con molto asfalto ma che permette di godere di una grande varietà di paesaggi , dai fantastici estuari al bucolico interno della Galizia più rurale. Per i ciclisti il ​​vantaggio è la tranquillità in quanto si tratta di un percorso meno battuto dai pellegrini su due ruote, poiché il viaggio non raggiunge i 200 chilometri necessari per raggiungere la Compostela, il documento rilasciato dalle autorità ecclesiastiche che attesta che è stato ha fatto il Camino de Santiago. E c’era un’altra variante per i pellegrini delle isole britanniche: il cosiddetto Camiño do Mar, che si collegava anche con il Camino del Norte. In questa occasione, il punto di partenza è Ribadeo per proseguire lungo la costa della provincia di Lugo e parte di La Coruña, con una sosta a San Andrés de Teixido, il secondo santuario più visitato della Galizia dopo Santiago. È un viaggio impegnativo, di circa 140 chilometri, poiché segue la difficile orografia della costa galiziana, e il percorso è piuttosto lungo, ma è un’alternativa perfetta per i pellegrini che vogliono camminare lentamente e scoprire altri paesaggi.

Una donna contempla un’impressionante vista panoramica della Sierra de Guadarrama, in una fermata sul sentiero Gr-10, all’altezza della città madrilena di Cercedilla.

5. Il Camino de Madrid

Solitudine e silenzio nella pianura castigliana

Iniziare il pellegrinaggio da casa propria, come facevano i pellegrini di una volta, è un lusso a disposizione di tutti gli abitanti di Madrid. Dalla capitale, vi attende un viaggio ricco di contrasti, storie e silenzi che vi invita a godere di solitudine, cieli eterni e meditazione al ritmo dei passi dei nostri stanchi piedi.

Sempre più pellegrini iniziano la loro avventura da Madrid. L’obiettivo potrebbe essere quello di raggiungere a piedi Sahagún , nel sud-est di León, per collegarci con il Cammino Francese: una sfida che dovrà passare molti giorni: 321 chilometri per attraversare l’altopiano castigliano e una volta a Sahagún, un’altra sezione ancora più tempo per arrivare a Santiago. Puoi iniziare da Plaza Castilla (a nord di Madrid) dove troveremo già delle frecce gialle a cui prestare attenzione. Continueremo verso Tres Cantos e Colmenar Viejo, attraverseremo il Manzanares dal ponte Batán (come fecero i pellegrini nel XVI secolo), continueremo attraverso il bacino di Santillana eManzanares el Real, seguendo sempre lo stesso percorso del GR-10, uno dei percorsi escursionistici più conosciuti e spettacolari della Spagna. La prima sfida sarà superare la Sierra de Guadarrama, anche se da lì ci attende ancora l’intera estensione della pianura castigliana: la valle dell’Eresma, la cintura verde fuori Segovia, in direzione di Simancas (Valladolid), e Tierra de Campos, un regione a cavallo delle province di PalenciaValladolid, Zamora e León. Sono paesaggi di bellezza spartana, che ci permetteranno di fonderci con l’immensità della pianura castigliana. Vale la pena deviare dal sentiero per scoprire le maestose pinete di Valsaínil Palacio de la Granja, la città di Segovia, o le alzaie del Canal de Castilla . Meglio evitare l’inverno, quando la giornata è breve e le temperature possono essere molto basse, e l’estate, con un sole implacabile che brucia gli infiniti campi castigliani.

Il monastero di Sant Pere de Rodes, a Girona.

6. Le strade catalane

Il lungo viaggio dalla costa mediterranea

Dalle coste di Girona, Barcellona e Tarragona c’era sempre un Cammino Catalano che raggiungeva Santiago attraverso Montserrat e che i pellegrini moderni continuano a viaggiare. È uno dei più lunghi, 1.000 chilometri, fino a quando non si collega con il Cammino Francese a Puente la Reina (Navarra) oa Logroño e quindi prosegue per quasi altri mille chilometri fino alla città di Compostela.

Si tratta di un sentiero ampio ma molto ben segnalato, con un itinerario ufficiale che circola lungo comodi percorsi e che permette di conoscere luoghi magici come la stessa montagna di Montserrat, il monastero di Sant Pere de RodesPoblet (XII secolo), oppure chiostro del monastero di Santa Maria de l’Estany. Attraverseremo vulcani addormentati a Girona o le solitudini del deserto di Monegros, e lungo il nostro cammino lasceremo dietro di sé numerosi esempi di romanico. Il catalano è una strada con molte diramazioni che raccoglierebbero i pellegrini dalle valli dei Pirenei o dalle coste catalane per unirsi alla corrente principale a ovest attraverso Monzón o Huesca.

Uno dei rami più importanti è il cosiddetto Camino del Ebro, che da Deltebre (Tarragona) portava a Logroño, seguendo il corso del fiume per oltre 440 chilometri. Questo è sempre stato il principale asse di comunicazione tra il Mediterraneo e l’Altopiano Centrale, un corridoio strategico attraverso il quale i romani costruirono strade e città, e che fu poi utilizzato dai pellegrini di tutto il Mediterraneo per raggiungere la tomba dell’Apostolo. Il grande vantaggio per gli escursionisti sull’Ebro è il suo basso dislivello, ed è anche un percorso molto piacevole per i ciclisti. Tappa fondamentale: il Monastero Reale di Nuestra Señora de Rueda, tra Escatrón e Sástago, del XII secolo, ora ben restaurato, con una foresteria e un buon ristorante per recuperare le forze.

Il chiostro romanico del monastero di Santo Domingo de Silos, a Burgos.

7. Cammino Soriano

Dalla solitaria frontiera medievale

Uno dei sentieri più dimenticati è il Soria, chiamato anche Cammino Castigliano-Aragonese, che nel XII e XIII secolo attraversava confini e terre solitarie. E così, solitario, questo itinerario continua ad essere quello che da Gallur (Saragozza) raggiunge Santo Domingo de Silos (Burgos) e, da lì, prosegue lungo la via della lana fino a Burgos, per collegarsi con il Cammino Francese. La Via Soriano corre tra luoghi anche solitari, in cui le pietre scolpite delle sue chiese, monasteri e castelli raccontano mille anni di storia.

Attraversa la depressione dell’Ebro, Campo de Borja e traccia una linea retta che attraversa Soria da est a ovest, per entrare nelle terre di Burgos. Il punto finale è uno dei monumenti più significativi della Castiglia medievale: il monastero cistercense di Santo Domingo de Silos, un gioiello romanico che racconta antiche storie scolpite sui capitelli e sui beccatelli del suo chiostro. Ci sono anche molte altre storie scolpite in innumerevoli templi romanici e gotici lungo il percorso, come la cattedrale di Tarazona, l’Ágreda fortificata, la stessa città di Soria o San Leonardo de Yagüe, un importante crocevia sorto intorno all’ospedale dei pellegrini, ora defunto.

Il percorso lascia altri gioielli inediti solo abbandonando un po’ il percorso, come le pitture rupestri di Valonsadero, alla periferia di Soria, o la Via Verde della Ferrovia Santander-Mediterraneo, che è un’ottima alternativa per i ciclisti, tra Soria e Hontoria del Pinar (66 chilometri).

Nonostante sia uno dei percorsi giacobini meno conosciuti, la sua segnaletica è eccellente ed evita quasi completamente l’asfalto. Pertanto, la maggior parte del viaggio può essere fatto su strade agricole, piste forestali e sentieri.

La chiesa di San Salvador nel villaggio di Foldada, appartenente al comune di Aguilar de Campoo, a Palencia.

8. Il sentiero dimenticato

Da Bilbao a Cacabelos, un rifugio in montagna

Tra il IX e il XIII secolo, viaggiare a Santiago poteva essere un’avventura pericolosa: le incursioni vichinghe erano frequenti sulla costa; dal sud, anche i musulmani facevano le loro cose. Per evitare il pericolo, molti pellegrini hanno cercato la sicurezza delle montagne e così è emerso un altro percorso, da Bilbao a Cacabelos,nella regione Leonese del Bierzo, un percorso di quasi 500 chilometri di collegamento con il Cammino Francese classico. Ha smesso di essere utilizzato quando le strade sono diventate più sicure per diventare un percorso delizioso, anche se con alcune tappe montuose che richiedono una buona forma fisica. Il suo percorso attraversa belle regioni dal sapore antico, come le Merindades Burgos attraverso la regione di Encartaciones, la Cantabria meridionale, le montagne di Palencia e León. Le fermate obbligatorie sono Espinosa de los Monteros, Aguilar de Campoo, Guardo, Cistierna, La Robla, Fasgar e Cacabelos.

Il cammino per Santiago da Bilbao può essere completato in circa quattro settimane, idealmente in estate o all’inizio dell’autunno, perché il clima invernale può essere troppo rigido. Si tratta di un percorso minoritario ma di enorme attrattiva, che ci permette di riscoprire il passato medievale più autentico del Cammino.

Un punto di riferimento con le indicazioni del Camino de Santiago, nella città di Zamora di Calzadilla de Tera.

9. Il Camino de Levante

La penisola, in diagonale

Questo è un modo di pensarci, visto che attraversa in diagonale l’intera Penisola (830 chilometri, circa) partendo dai porti di Valencia, Alicante o Cartagena, dove arrivavano pellegrini da innumerevoli località del Mediterraneo. Oggi, il sentiero GR 239 recupera quel lungo percorso, attraversando Albacete, facendo un’ampia deviazione attraverso Almansa, in direzione di ToledoSierra de Gredos e Ávila, per finire a unirsi alla Vía de la Plata a Zamora. Se vuoi completarlo nella sua interezza, da Valencia a Zamora, dovrai dedicare dai 22 ai 25 giorni. Un’altra opzione è farlo per sezioni, che permette di scoprire i paesaggi più vari, la gastronomia valenciana e castigliana, numerosi riferimenti a Don Chisciotte, e fare tappa in molti ospedalisinagoghemura e grandi chiese, molte delle quali molto poco frequentate.

Una scultura in omaggio ai pellegrini del Cammino di Santiago, davanti alla chiesa di Santo António da Torre Velha, a Ponte de Lima (Portogallo).

10. Cammino Portoghese

Una sfida di 613 chilometri

Da Lisbona a Santiago ci sono esattamente 613 chilometri, una sfida per chi pensa di far attraversare il Portogallo da sud a nord con la sua Compostela. Questo tour attraversa luoghi come Santarem, Tomar, Coimbra, Águeda, Oporto, Barcelos, Tui, Redondela o Pontevedra.

Alcuni dicono che il Cammino Portoghese sia antico quanto quello Francese, e che già nell’862 esistessero chiese consacrate all’apostolo in alcuni punti di questo itinerario che il geografo Al-Idrisi, nel XII secolo, già indicava come uno dei percorsi di espansione del regno di León a sud. Doveva esserci una strada via mare e un’altra via terra, e negli ultimi decenni è stata recuperata per nuovi pellegrini, anche se predominano tratti di asfalto (di tutte le qualità), fino a quando ci avviciniamo alla Galizia e iniziano le piste sterrate. Oggi è uno degli itinerari giacobini più popolari, in parte a causa del clima temperato dovuto alla vicinanza del mare e in parte a causa del patrimonio culturale e storico, con continui riferimenti a Santiago (Sao Tiago) nella toponomastica.

Non è proprio un percorso unico, ma con diverse opzioni, più o meno vicine alla costa. C’è anche un versante interno e un altro, il cosiddetto Camino Torres, che parte da Salamanca seguendo l’itinerario del professore dell’Università di Salamanca Diego de Torres Villarroel, tornato dall’esilio in Portogallo lungo questa rotta nel 1737 e annotato la sua esperienza. in un diario di viaggio scritto in versi. Questo percorso Torres si è ripreso e può essere fatto in 23 tappe (570 chilometri), evitando le strade in un viaggio alternativo che ci permetterà di fermarci in città come AmaranteGuimarães o nella cattedrale di Braga, li colloca tutti con una lunga tradizione giacobina. Un dettaglio: da Lisbona a Santarem il percorso coincide con l’altro grande itinerario di pellegrinaggio portoghese: quello che porta a Fátima.

Fonte: https://elviajero.elpais.com/